Perché penso che sia un pessimo affare economico bloccare la ricerca in archeologia (da uominiecoseavignale)

L’articolo de La Stampa di ieri ha suscitato una grande attenzione, almeno a giudicare dai contatti (quasi 4.500) e dalle condivisioni (quasi 100) registrati dal post su FB che ne dava notizia.

 

Mi pare una buona cosa, perché è dal dibattito e dal confronto delle opinioni anche profondamente differenti che nascono le idee. E credo che in questo momento abbiamo bisogno, più che di ricette facili da applicare indiscriminatamente, proprio di buone idee da perseguire nel tempo.

 

Vorrei quindi provare a sviluppare il mio ragionamento, a partire da una domanda: che cosa significa, in termini economici, bloccare – o quantomeno bloccare in larga misura – la ricerca in archeologia?

 

continua

Commenti

4 commenti
  1. Paola
    Paola dice:

    E se tutto il male non venisse per nuocere? Se questa sciagurata decisione servisse a fare gli scavi universitari in aree protette, demaniali ma abbandonate dalla ricerca? E se scavare in siti poco visitati per rivitalizzar e la fruizione con nuovi dati ? E se operare in tali contesti costasse meno e permettesse una musealizzazione successiva più semplice e più economica? E se vedere gli archeologi al lavoro aiutasse un turismo di qualità ? E se stavolta che ha toccato l’accademia la problematica gestione del patrimonio portasse a superare qualche diffidenza e portare le varie archeologie a parlarsi? Potrebbe essere un punto di partenza, perché diciamocelo, è vero, non esiste solo l’archeologia d’emergenza però ignorarla non serve e forse, dico forse, se a volte restituisce dati limitati e pubblicazioni non perfette, a qualcuno dovrebbe venire il dubbio che questo succede perché le condizioni in cui il sistema ci costringe ad operare non è idilliaco. Sfruttiamo il momento. Scusatemi, più che un commento è quasi un articolo e non è detto che non lo diventi.

    Rispondi
    • Paola
      Paola dice:

      Mi scuso per il refuso della seconda riga, la frase era ” e se scavare siti poco visitatati servisse per rivitalizzare la fruizione con nuovi dati ?” . Mentre più avanti c’è un “portare” di troppo. Colpa della fretta…

      Rispondi
  2. Antonia
    Antonia dice:

    Ciao Paola, le ultime news su spending review e archeologia hanno finalmente squarciato il velo di maya e portato tanto di noi ad interrogarsi su cosa è oggi l’archeologia e cosa vuole (e deve) diventare. Credo che il dibattito sia utile in un ambiente come il nostro dove spesso è difficile confrontarsi sul serio, senza pregiudizi e posizioni di parte e personalmente sono contenta che questo dibattito stia rimbalzando sul web. Questo per dirti che se il tuo commento diventasse un articolo lo pubblicheremmo senz’altro!

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *