Rassegna internazionale del cinema archeologico di Rovereto

Tra archeologia e contemporaneità: la XXVI Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico di Rovereto

Si è conclusa lo scorso sabato 10 ottobre la XXVI Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico di Rovereto che quest’anno ha visto protagonisti, tra gli altri, un gruppo di intrepidi archeoblogger, chiamati ad assegnare una menzione speciale ad uno dei film in concorso per la XII edizione del premio Paolo Orsi.

 

Le blogger di Professione Archeologo hanno avuto l’onore di far parte di questa giuria e la nostra Antonia Falcone ha viaggiato alla volta di Rovereto per essere presente alla premiazione finale ed assegnare personalmente la menzione speciale (e sì, ha proprio detto “And the winner is…”).

 

La scelta di includere una giuria fatta di archeologi che più o meno quotidianamente si occupano di comunicazione ci è piaciuta fin da subito e ci è sembrato un segno importante.

 

“Una manifestazione di ampio respiro come la Rassegna non può non comprendere che in questi ultimi anni è cambiato il modo di comunicare e di vivere l’archeologia,” ci ha confermato Valentina Poli, della Fondazione Museo Civico di Rovereto, che in queste settimane ha seguito i lavori della giuria degli archeoblogger. “In questi anni il mondo dei blog e dei social media si è affiancato al modello tradizionale della comunicazione culturale riuscendo a coinvolgere, in maniera entusiasmante e meno formale, un pubblico vasto ed appassionato. Quest’anno ci è sembrato il momento opportuno per contattarvi e proporvi di partecipare per assegnare una menzione speciale al film che maggiormente si presta alla fruizione e alla divulgazione. E non possiamo che essere soddisfatti visto l’entusiasmo con cui avete accettato il compito di giurati!”

 

E non poteva essere altrimenti, visto che, per dirla con le parole di Marina Lo Blundo, il dovere di giurati ci ha permesso di fare il giro del mondo direttamente dal divano di casa, alla scoperta di angoli di mondo vicini e lontani.

 

La Rassegna è ormai finita e sabato sera sono stati annunciati i vincitori, ma l’edizione di quest’anno è stata anche segnata dalla forte rivendicazione, da parte degli organizzatori, dell’unicità dell’evento di Rovereto, un festival di riconosciuto prestigio internazionale, che però non ha sempre avuto il supporto che si merita , nonostante quest’anno siano anche arrivati gli auguri del Presidente della Repubblica Mattarella a pochi giorni dall’inizio.

 

“Esistono nel mondo, in Europa e Stati Uniti, altri 8 o 9 festival di cinema dedicato all’archeologia o al patrimonio culturale,” ci ha detto Dario di Blasi, Conservatore Onorario del Museo Civico di Rovereto e Direttore della Rassegna, che ha gentilmente risposto ad alcune nostre domande. “Alcuni sono ai limiti della sopravvivenza, altri hanno limitato la raccolta e selezione di film alle versioni linguistiche del territorio, inglese o francese per ridurre i costi delle traduzioni e doppiaggi. Questo è avvenuto sicuramente per effetto della crisi economica e sociale, ma anche e soprattutto perché la classe politica e dirigente, sia pure con atteggiamenti diversi, ritiene che l’investimento in cultura sia residuale rispetto all’economia ed anche purtroppo alla guerra.”

 

Il tema degli investimenti seri nel campo culturale ritorna quindi prepotentemente anche nel caso di un evento così importante come la Rassegna di Rovereto. Quando gli chiediamo come immagina il futuro della manifestazione, il Direttore Di Blasi risponde:

 

Crediamo che la cultura sia una virtù che permette agli uomini di sopravvivere perché si relazionano tra di loro e con il territorio attraverso le proprie qualità più alte, come l’ingegno, la solidarietà, la fame di conoscenza, così come permette loro di mettersi in relazione con le divinità attraverso il culto.
Come festival cercheremo di resistere e ampliare la nostra caratteristica più importante e cioè rappresentare la ricerca archeologica e storica di tutto il mondo attraverso le varie lingue e linguaggi della cinematografia per mettere in relazione il Mondo Antico con il pubblico più vasto possibile e far sì che acquisti chiara coscienza del proprio passato e contribuisca a costruire un avvenire migliore.

 

Alla luce delle recenti distruzioni del patrimonio archeologico in Siria e della morte dell’archeologo Khaled-al Assad, ucciso dall’ISIS lo scorso agosto e al quale la Rassegna ha deciso di rendere omaggio, ci sembra che questa dichiarazione di intenti sia decisamente importante e degna di nota.

 

@domenica_pate

[Credit immagine: Astrid D’Eredità]

 

*

 

Ps.

 

A chi abbiamo assegnato la menzione speciale? Al film che ci è sembrato meglio incarnasse la divulgazione e la comunicazione del patrimonio culturale come lo intendiamo noi: Tà gynaikeia. Cose di donne, regia di Lorenzo Daniele, con la consulenza scientifica di Alessandra Cilio, Fine Art Produzioni Srl.
Questa la nostra motivazione:

 

Dal passato prossimo al passato remoto. Un viaggio al contrario che guarda a tutto tondo al mondo femminile. Per noi questo è Cose di Donne. Ci è piaciuto il suo sguardo innovativo sul passato, che percepisce la storia come patrimonio condiviso. I ricordi personali delle protagoniste rischiarano di una luce contemporanea, forte e capace di suscitare grande empatia, le testimonianze dei resti archeologici che si scrollano di dosso la loro polvere secolare e divengono vivi e attuali, comprensibili, segni tangibili di vite reali. Il documentario diventa così una storia corale, di ricerca e sacrificio, una continua domanda di senso, una riflessione aperta sulla donna di ieri e di oggi. Lo abbiamo molto amato: come archeologi e comunicatori crediamo che Cose di Donne rappresenti bene il senso di fare ricerca archeologica oggi ed incarni perfettamente le ragioni per cui la conservazione e la tutela del nostro patrimonio culturale sono di fondamentale importanza per la definizione stessa della nostra identità di cittadini e di società.

 

 

 

 

 

Commenti

2 commenti
  1. Marco
    Marco dice:

    Il messaggio finale che motiva la scelta della menzione speciale mi ha emozionato.
    Devo dire che a questo evento volevo andare ma per diversi impegni di corsi e altre interessanti eventi che volevo seguire e sto seguendo non sono potuto andarci. Purtroppo i mezzi in Italia non permettono di ripartire dopo le 20 (nemmeno nelle brevi distanze, nel mio caso sarei dovuto ritornare in Friuli) ma si debba aspettare la mattina dopo e quindi pernottare.
    Ho chiesto, credendo in un futuro dove la cultura sia libera, informazioni su streaming e possibilità, scopertomi non in condizione di raggiungere il festiva, di vedere il festival da casa, cosi come i dibattiti o le conferenze.
    Purtroppo molti autori non sono d’accordo con lo streaming.

    Penso che un passo avanti non vada solo fatto dagli investitori, Stato, cittadini singoli o privati mecenati che siano. Un passo avanti va proprio fatto da archeologi, artisti, e proprio coloro che si dicono toccati e minacciati, e colpiti da una crisi, che c’è stata, e se volete proprio saperlo, ci sarà sempre, anche se non dovrebbe esserci per la cultura, in una società prospera e ricca, dopo cosi tanti secoli di esperienza, saggezza storica, nel 2015…

    Mi auguro che schiere di volontari possano aiutare il festival (me compreso) permettendo di investire su tecnologia e mezzi, spazi, tempi che amplifichino esponenzialmente gli effetti di un evento cosi importante come questo.

    Tutto questo lo scrivo da cittadino, interessato a specializzarmi in arte, archeologia, gestione di musei, comunicazione, fund raising (forse questi due ultimi potrebbero offrire maggiore lavoro e sono lavori chiave dove la professionalità è richiestissima e la concorrenza bassissima per ora) e quindi da persona super partes che non vuole tifare per nessuna delle parti.

    Non ci sono parti, siamo qui tutti insieme ed eventi così ci uniscono, ci devono unire ancora di più.

    P.S. il personale della rassegna contattato via mail ha risposto immediatamente ed è stato cortese e molto preciso nel rispondere ad ogni domanda quando ho chiesto informazioni via posta elettronica- Ringrazio quindi (Francesca) e spero in collaborazione, e ancor migliori risultati per la prossima vicinissima edizione. Complimenti!

    Rispondi
    • Antonia
      Antonia dice:

      Ciao Marco, quest’anno sono stata a Rovereto in rappresentanza degli archeoblogger per attribuire la menzione speciale a uno dei film in concorso e confermo che la Rassegna è un evento da non perdere.
      Oltre all’accoglienza fantastica del team che cura la Rassegna e che mi ha fatto sentire a casa dal primo momento, mi ha colpito il clima internazionale e di fermento culturale che si respira. Certo se si decidesse di investire maggiormente in cultura in questo Paese, la Rassegna diventerebbe un evento cruciale di incontro e confronto tra operatori del settore, dalle produzioni agli autori, passando per ricercatori e comunicatori dell’antico. Confidiamo nella lungimiranza dei nostri amministratori affinchè gli investimenti su questo tipo di manifestazioni vadano a crescere. E magari l’anno prossimo ci si vede tutti a Rovereto (cittadina deliziosa).

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *