b6MBrv

EA: Emergenza d’Archeologia (Episodio terzo) ~ di Paola Romi

1.03 – Vanilla Sky

 

“Ma non vivrò in una realtà parallela?”.

 

Questo è l’interrogativo che mi gira e rigira nella scatola cranica e spesso, davvero, mi attanaglia il dubbio di abitare una vita artefatta, fondata sull’errore. Non mi riferisco al fatto di aver sbagliato professione, quello, se si pensa alle difficoltà, è un dato di fatto.

 

Situazione tipo. Stai seguendo le operazioni di allargamento di una strada. Dopo la rimozione di un muretto di contenimento del terreno che sovrasta la sede stradale, in sezione, si palesano le tegole della copertura a cappuccina di un’antica inumazione. Di più, se per caso il sole o il gelo ti avessero talmente obnubilato dal farti dubitare dell’unica interpretazione possibile di quello che hai davanti agli occhi, eccole là, due tibie, che spuntano, composte e bianchicce, sopra alle sconquassate ossa dei piedi. La natura di quello che vedi ti sembra talmente evidente che non ti perdi in chiacchiere, tiri fuori i pennelli e, cercando di non complicare la vita all’amico antropologo, ripulisci il contesto.

 

Ed ecco, in questo momento di concentrazione, sommessa gioia e relativa tranquillità, arriva qualcuno, un qualcuno che credevi dotato di raziocinio, giunto a ripeterti, per cinque o sei volte, che quella che stai scavando è la recentissima sepoltura di un cane. Con inaspettata ironia lo zittisci, con inaudita crudeltà lo inviti a mostrare le ossa della sua caviglia per fare un confronto. Annientato, lo sfortunato geometra, batte in ritirata fra l’ilarità generale.

 

Dopo scene come questa, legate anche a evidenze meno inequivocabilmente interpretabili, dopo commenti e valutazioni, non sempre simpatiche e generose, dei rinvenimenti, ma soprattutto a margine di discussioni con persone dotate di un alto profilo professionale e culturale, che fanno altri mestieri, mi domando sempre: “Perché?”.

 

Perché non capiscono l’importanza di quello che facciamo, delle cose che analizziamo e di quelle che tuteliamo? Forse viviamo in una dimensione onirica che gli altri non comprendono.

 

Ed in preda a questa invisibile alienazione qualcosa mi dice: “Apri gli occhi!”. Non siamo noi a non esistere, è la comunicazione del nostro lavoro ad essere inconsistente. Manca la narrazione del passato fuori dagli stereotipi di Voyager, manca la divulgazione vera. Se non troviamo il modo di trasmettere il senso, la bontà ed i risultati anche del più piccolo scavo di emergenza siamo destinati ad una perenne scissione dal resto della popolazione.

 

Ci condanniamo da soli a popolare, con i soli nostri simili, un’eterna Life extension, gratuita, problematica e sterile.

 

.

 

Paola Romi, l’autrice di questo post è su Twitter: @OpusPaulicium

Commenti

6 commenti
  1. silvia
    silvia dice:

    paola, mi sei davvero piaciuta.
    è quello che mi ripeto molto spesso.
    per i più o siamo egittologi avventurosi in preda a schivare fantasmi di faraoni indisturbati,
    o i “rompicoglioni col pennellino” per colpa dei quali a roma non c’è la metro.
    però, posso dirti….un po’ la colpa è pure nostra…quanta autoreferenzialità in molti discorsi!
    un abbraccio dalla tua compagna di scavo canosino:-)

    Rispondi
    • Paola
      Paola dice:

      @silvia. Era proprio quello lo spirito, smettere di pensare che sia il solo il mondo a non capirci e cominciare a parlarci, col Mondo. Siamo un po’ tartarughe, ammettiamolo!

      Rispondi
  2. Domenica
    Domenica dice:

    “Se non troviamo il modo di trasmettere il senso, la bontà ed i risultati anche del più piccolo scavo di emergenza siamo destinati ad una perenne scissione dal resto della popolazione.”

    Amen sorella.

    Rispondi
    • Domenica
      Domenica dice:

      No no, per niente direi. Ed è quello che sto dicendo tipo dal mio secondo anno di università, quindi con me sfondi una porta aperta 😉
      Grazie ancora :)

      Rispondi
  3. Raffaella de Felice
    Raffaella de Felice dice:

    Paola, hai centrato esattamente il punto, il problema di questo lavoro, oggi più che mai, è la sua pessima comunicazione. magari vi sembrerò ingenua, e chi mi conosce, come te, potrebbe anche pensarlo a ragione, ma sono convinta che una migliore comunicazione potrebbe migliorare non solo il modo in cui il viene percepito questo lavoro, ma anche il flusso di investimenti nel settore.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *